cooperativa 19

nuove terre

VILLAGGIO DELLA LEGALITA' - PALERMO

un progetto di: Cosimo Veneziano

a cura di: Denis Isaia

Nei giorni della commemorazione della strage di Capaci, la Fondazione Giovanni e Francesca Falcone e il Ministero della Pubblica Istruzione hanno invitato l'artista Cosimo Veneziano a concepire uno dei workshop che animano il Villaggio della Legalità presso l'aula bunker di Palermo. Per il suo intervento Nuove Terre, Cosimo Veneziano ha proposto di creare delle sculture a partire da alcune frasi celebri del Pool Antimafia. L'intento è mischiare in un lavoro collettivo la fascinazione per le tecnologie digitali, i desideri commemorativi, la volontà di operare manualmente e le esigenze di sviluppare un pensiero che per quanto semplice, chieda ai partecipanti uno sforzo concettuale e li avvicini ai linguaggi più contemporanei.

Nell'area antistante l'aula bunker l'artista ha invitato le ragazze e i ragazzi a scegliere una fra le frasi celebri di tre rappresentanti del Pool (Antonio Capponnetto, Giovanni Falcone, Paolo Borsellino) e di interpretarle in pubblico. La declamazione, le sue incertezze, il suoi vigori e il suo ritmo sono state registrate, stampate su un foglio e successivamente plasmate in una serie di sculture che riproducono il profilo dell'onda sonora generata. Il risultato è una visualizzazione in forma plastica del connubio fra le parole del Pool Antimafia e la loro reinterpretazione ad opera dei più giovani.

Una selezione di sculture sono state infine installate nel gabbiotto che una volta fungeva da supporto alle trasmissioni televisive. All'interno dello spazio le frasi appese al soffitto creano una ambientazione che amplifica l'eco di quelle parole e ne contestualizza i riscontri mediatici e la spettacolarizzazione che nel bene e nel male hanno caratterizzato la lotta fra il Pool e la mafia.